Anna Magnani: ricordo della prima italiana da Oscar

26 mercoledì 2018 visualizzazioni:

Attrice simbolo dell’Italia e dell’italianità, prima italiana a vincere l’Oscar, inseguita da tutti i più importanti registi degli anni d’oro del Cinema del nostro Paese.
Oggi ricorre l’anniversario della sua morte ed è così che vogliamo ricordarla, come un esempio da seguire e un’icona.

Anna non si è fatta intimorire dal suo passato burrascoso di figlia illegittima abbandonata dalla madre e cresciuta da 5 zie; non ancora ventenne si avvicina alla recitazione e inizia a muovere i primi passi come attrice, cantante e soubrette. Ben presto entra nel mondo del cinema in cui esordisce con La cieca di Sorrento (1934) e raggiunge la fama mondiale con il film di Rossellini Roma città aperta (1945) in cui è protagonista di una delle sequenze più celebri della storia del cinema: la corsa dietro a un camion tedesco, in cui è rinchiuso il marito, al termine della quale viene uccisa dai nazisti.
Vincitrice di premi nazionali e internazionali,ricordiamo l’Oscar vinto nel 1956 come attrice protagonista ne La rosa tatuata.

“La Magnani è la quinta essenza dell’Italia, e anche la personificazione più completa del teatro, del vero teatro con scenari di cartapesta una bugia fumosa e degli stracci dorati, dovevo logicamente rifugiarmi nella commedia dell’arte e prendere con me in questo bagno la Magnani, le sono grato per aver simboleggiato nel mio film tutte le altre attrici del mondo”. Jean Renoir

 

 

di Ludovica Lenova

26/09/2018