All posts by Federica Duani

ESPERIENZA OVATTATA

30 mercoledì 2016 visualizzazioni:

Si sa, il Natale è tempo di concessioni, vacanze romantiche e all’insegna della tranquillità. Il Natale è il tempo dell’anno in cui lasciarsi coccolare è piacevole e benvenuto.

Non solo plaid e cioccolate calde possono racchiudere i desider in un silenzio ovattato quasi perfetto, ma anche la nove, il freddo, con tutta la propria candida sofficità.

Perché non trascorrere una romantica notte in una suite? Bicchiere di champagne, trattamenti speciali, aria e musiche natalizie..tutto in mezzo a montagne di neve.

Milleottocento sedici metri di altitudine. Livigno. Snow Suite. Semplici e lineari parole chiave che rimandano all’esperienza che si può vivere a partire dal 20 dicembre 2016 a Livigno.
Non serve più sognare di buttarsi su un letto di neve, perché il tuffo disdegna acqua e coperte, a favore di un caldo sacco a pelo termico. Risvegliarsi sarà delicatamente ovattato, come in una di quelle palline di neve che grandi e piccini si divertono ad agitare incantati.

Il tutto è reso possibile grazie all’ Hotel Lac Salin SPA & Mountain Resort, che ha deciso di rendere onore ai suoi primi dieci anni di vita con Lac Salin Snow Luxury Experience facendo immergere i propri ospiti nelle atmosfere alpine, così che possano vivere esperienze uniche e inimitabili. Le sculture, sono ispirate all’arte, pressate con tutta l’attenzione per renderle accoglienti.

Posizionate, per l’occasione, a fianco dell’hotel propongono la Snow Suite (riservata ai soli ospiti), che accoglie coppie o famiglie dopo la loro cen davanti alla Stua da Legn.
Per tutti, invece, la possibilità di passare un apres-ski o una serata intera in un ambiente esclusivo, il Snow Lounge Bar, raffinato come la neve, incantevole come la magia del Natale

di Federica Duani
30/11/2016

 

Romantica lingerie by VERDISSIMA

29 martedì 2016 visualizzazioni:

 

Verdissima è in continua evoluzione, costruendo il suo punto di forza nell’esplosivo mix di ricercata raffinatezza e giovani tendenze. La nuova collezione Verdissima Underwear SS17 è composta da creazioni ispirate ad uno stile romantico e ultra femminile.

Looking for trasparence è il mood che dà vita alla nuova collezione: un pizzo leggiadro e audace, un prezioso ricamo a bouquet floreale rifinito con dettagli unici, una raffinata stampa…

Fiori sinuosi sbocciano su delicati reggisenia triangolo, con le coppe, a fascia preformata – e

sugli slip coordinati, tutti da scegliere nelle sfumature del bianco, del blu, del rosa, del cipria con l’avorio, dell’avena con l’acqua.

Softness en plein air: la lingerie si spoglia di ogni rigore con pizzi svolazzanti, una straordinaria stampa bouquet floreale ed una confortevole microfibra stretch. Reggiseni brassière e slip alti: un fascino retro con una nota velatamente sensuale nei colori del polline e del cielo.

Blooming day: una fantasia floreale accostata ad un pizzo delicato, unito a ricami effetto stripes, a contrasto e ton sur ton. Una girandola di pattern e di colori – albicocca, cielo, nero – da vestire senza rete con modelli ricchi di dettagli e dal carattere deciso, che dispiace nascondere sotto i vestiti.

Una collezione raffinata ed armonica, ideata per coccolare e soddisfare le esigenze di ogni donna!

 

Info su http://www.verdissima.it/

Sofia Mainardi
29/11/2016

ARTIGIANATO IN NOI

28 lunedì 2016 visualizzazioni:

Le menti creative iniziano a frullare e pensare i primi regali di Natale, per sbizzarrirsi e trovare  un regalo ad hoc  per ogni persona, per soddisfare tutte le esigenze e curiosità e lasciare dolcezza in ciascun cuore.

Pensare di poter attingere dai prodotti e dalla fantasia di tutto il mondo è avvolto da un grande fascino, e a tutti piacerebbe prendere un aereo e volare qua e là alla ricerca del regalo perfetto, e dall’ originalità di sapori esotici.
Se la possibilità di volare via non c’è, si può attrezzarsi di treno o macchina e arrivare comodamente a Rho Fiera, tuffandosi nella Fiera dell’Artigianato.

Quest’anno la fiera entra in scena dal 3 all’11 Dicembre, tutti i giorni dalle 10.00 alle 23.00, puntando i riflettori su prodotti artigianali provenienti da tutto il mondo, che possono essere guardati e toccati con mano, cosicchè la prova qualità sia ampiamente superata, con un sorriso e la felicità di un acquisto particolare e curato nel dettaglio.

Inoltre durante il giorno sarà possibile assistere a corsi di cucina, danza e eventi che allieteranno le ore con allegre musiche. Anche il palato sarà soddisfatto, con una ristorazione internazionale che permetterà di far fare il giro del mondo in nove giorni.

Inoltre quest’anno il servizio baby parking permetterà a tutti i genitori di passeggiare tranquilli tra gli stand, sapendo che anche i loro piccoli staranno  crescendo: quest’anno il tema è “Giochiamo con l’arte”, che propone laboratori artistici per conoscere il mondo dell’arte, e sicuramente conoscere se stessa. Tra i laboratori anticipiamo “Arte in cucina” e “Studio all’artista”.

Alternandosi ad esplorazioni libere, Artigianato in fiera offre anche itinerari tematici, scoprendo le botteghe e assaggiando le delizie di vari continenti.

Tecnologia e tradizioni si uniscono, l’artigianato è protagonista e la genialità degli artisti colpisce tutti. Lontano dai soliti clichè e dall’omologazione odierna, l’Artigianato in Fiera continua a punzecchiare la curiosità, mettendo in primo piano le mani e la loro capacità di dar vita alle idee.

Ingresso gratuito per tutti, bambini e disabili tutti accolti e messi a loro agio.
Il mondo a Rho, l’animo cosmopolita che esce e il natale che bussa con il tintinnio di campanelle. Quest’anno non perdetevi l’Artigianato in Fiera, e dedicate un giorno alla scoperta.

di Federica Duani
28/11/2016

Alice in scena al Teatro Nazionale

25 venerdì 2016 visualizzazioni:

“Sapeva che sarebbe stato sufficiente aprire gli occhi per tornare alla sbiadita realtà senza fantasia degli adulti.”

È il 1864 quando Lewis Carroll lo scrive, ci crede e forgia parola dopo parola il romanzo fantastico “Alice nel Paese delle Meraviglie”. Un’unione di logiche matematiche, filosofie, regole fisiche e matematiche.

Attraverso il sogno di un coniglio bianco, Alice viene catapultata in un mondo underground, pieno di paradossi e assurdità. Seguendo il coniglio nella tana, poi, inizia a notare che tutte le pareti sono decorate con tazze, scaffali, quadri e cartine geografiche a dir poco strane.

Una bevanda dal nome bevimi ha il potere di renderla piccolissima; un muffin farla diventare enorme. Un ventaglio di nuovo rimpicciolisce a colpi di vento e ancora un muffin; in una serie di imprevisti Alice diventa grande e piccola; da piccola di nuovo grande. Il coniglio, bianco come la neve, la segue in ogni momento, con una presenza che si faccia sentire o con apparizioni all’occorrenza.

Proseguendo il suo percorso e dopo aver preso un the con la Lepre Marzolina e il Cappellaio Matto, che si spostano continuamente da una tazza all’altra, Alice si incammina verso il castello della regina: si lascia coinvolgere in una partita a croquet con giocatori che urlano e giocano all’unisono, le porte che fungono da carte. Alice deve poi partecipare ad un processo dove il fante di cuori viene accusato; e proprio quando cerca di difenderlo ecco che torna grande, e la sua gonna scaraventa tutti i giudici lontano dalla stanza.

Risvegliatasi tra le braccia della sorella, Alice va a casa per l’ora del the.

Non siete altro che un mazzo di carte”- così se ne va dal Paese delle Meravigli. E il risveglio, la realtà, non possono far altro che riportare una bambina ad ancorarsi alla realtà, ed imparare a diventare grande.

Si sa, per crescere bisogna affrontare se stessi, il passato, la fantasia: per Alice il modo migliore è tornare nel Paese delle Meraviglie, il mondo contradditorio, con il Biancoconiglio, il Cappellaio Matto e il Brucaliffo.

“Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie” di e con Chiara Norcese è una favola moderna, che provoca Alice nella scelta se rimanere nella fantasia o uscirne, affrontando la prova più grande: la Regina di Cuori.

Fino al 17 Febbraio 2017, quindi, inseguite il coniglietto bianco fino al Teatro Nazionale di Milano, tra commozioni, tecnologia e note sinfoniche di “Bohemian Rapsody” non perdere  la scelta di Alice.

di Federica Duani
25/11/2016

L’IRONIA SI TRASFERISCE IN CUCINA CON GLI “ANIMALETTI” BIALETTI

18 venerdì 2016 visualizzazioni:

Gli animali son da sempre considerati i migliori amici dell’uomo …Bialetti lo sa bene ed è per questo che ha scelto di dedicare proprio a loro la sua nuova collezione.

 “Animaletti”, una linea divertente ispirata al fantastico mondo animale, composta da simpatici e utili personaggi pronti a tenerti compagnia in ogni angolo della tua cucina.

Da sempre Bialetti è riuscita ad esaudire ogni nostro desiderio e questa collezione non delude le aspettative.

Contraddistinti da linee sinuose ed eleganti, Bialetti ha voluto dare a ciascuno dei suoi divertenti personaggi un nome e un’anima distintiva:

“Guendalina” è un’elegante Oca porta tovaglioli con al collo 6 coloratissimi segna posti

 “Carla” è un divertente ippopotamo che tiene in ordine i porta cup cake

Con “Gino e Pio” invece l’allegria si trasferisce sulla nostra tavola.

Il primo è un piacevole porco spino che vi aiuterà a portare in tavola del buonissimo formaggio grattugiato.

“Pio” invece è un utile dosa olio a forma di ramo sul quale si appoggia un elegantissimo uccellino.

Questi sono solo alcuni dei 20 “Animaletti” ideati da Bialetti pronti ad animare e rendere uniche le nostre cucine.

Il Natale è alle porte, quale migliore occasione per regalare ad amici e parenti un “Animaletto” Bialetti? Ciascuno il suo, c’è né davvero di tutti i tipi e per tutte le esigenze.

Stare in cucina sarà ancora più semplice e divertente.

Tenetevi pronti allora!

Il 16 Novembre vai nei Bialetti Store a te più vicino! I simpatici “Animaletti” Bialetti ti aspettano e sono pronti a tenerti compagnia e a rendere ogni tuo gesto “culinario” più semplice e divertente come solo un vero amico sa fare.

Link “trova negozi” Bialetti Store: http://www.bialettigroup.it/it/trova_negozi.html

di Beatrice Lana
18/11/2016

 

MILANO INDOSSA LIBRI: BOOKCITY 2016

17 giovedì 2016 visualizzazioni:

La sensibilità di impugnare una penna e scrivere, senza lasciarsi fermare da nulla. La piacevolezza di non stare solo davanti ad uno schermo luminoso ma annusare quell’antico profumo di pagine, prima di iniziare a leggere. Un aroma di carta, nuova, usata, leggermente impolverata, magari macchiata con gocce di quel buon caffè o the che si stavano gustando nel momento della lettura.

Una superficie liscia, leggermente ruvida, ma assolutamente concreta.
Un computer non sostituirà mai una lettura viva, che grazie alla carta trascina nella scoperta di un mondo parallelo o reale, lontano o vicino.

BOOKCITY MILANO, inaugurata il 17 Novembre, si propone di non dimenticare la lettura e nemmeno la scrittura. Si tratta, infatti, di un’iniziativa promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano e dall’Associazione BookCity Milano, composta da Fondazione Corriere della Sera, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori e Fondazione Umberto e Elisabetta Mauri.

La città si riempie di libri: come quei sogni in cui i libri prendono vita, quelle fotografe di pagine usurate che regalano un sorriso e la voglia di sfogliare, così Milano dona il desiderio di allontanarsi dalla frenesia quotidiana e sedersi a leggere, semplicemente leggere.

Editori grandi e piccoli, librai, bibliotecari, autori, agenti letterari, traduttori, grafici, illustratori, blogger, scuole di scrittura hanno collaborato allo svolgimento del progetti. La manifestazione ha in programma più di mille eventi di diversa natura. Chiunque avrà la possibilità di partecipare ad incontri, presentazioni, dialoghi, letture ad alta voce, mostre, spettacoli, seminari sulle nuove pratiche di lettura.

L’obiettivo è quello di avvicinare e coinvolgere lettori di ogni età, perché nulla sia lasciato al caso, e nulla ci impedisca di entrare a contatto con la delicatezza e la potenza della parola.

Non si tratta dunque solo di un grande festival, ma è anche una galassia di rassegne tematiche destinate ad interessi specifici, incontrandoli attraverso temi diversi e indirizzati ad ogni gusto.

I nuclei tematici in cui avrà luogo BookCity Milano sono:
CASTELLO SFORZESCO – Le parole che escono dal cuore giungono al cuore;
LA TRIENNALE DI MILANO – Le mille e una storia;
MUSEO NAZIONALE DELLA SCIENZA E DELLA TECNOLOGIA “LEONARDO DA VINCI”– Futuri possibili;
MUDEC + BASE Milano– Le identità, l’incontro;
TEATRO FRANCO PARENTI – La fabbrica dei valori.

Non esitate oltre, abbandonatevi a due passi in centro per sgranchire le gambe e lasciate che sia la lettura a scegliervi.

 

Per un programma dettagliato:
 www.bookcitymilano.it

di Federica Duani
17/11/2016