L’ultimo ruggito di Leone

28 martedì 2017 visualizzazioni:

Leone di Lernia, una delle voci storiche dello Zoo di 105, ha smesso di ruggire a 78 anni, a Milano.

Noto per le sue canzoni demenziali e surreali, autore di brani trash ed anima storica dello show radiofonico «Lo Zoo di 105», dal 23 febbraio era stato ricoverato in condizioni gravi in seguito a un malore

Tantissimi i post e i messaggi, ma il più toccante è quello del grande Marco Mazzoli, collega e amico intimo di Leone che ha postato un video, girato poco prima che Leone di Lernia morisse, nella sua pagina FB.

“Sabato sera ha voluto che io e Wender andassimo a cena da lui – ha svelato Mazzoli, ricordando Leone di Lernia e gli ultimi momenti passati insieme -, voleva stare con quelli con cui ha iniziato Lo Zoo nel 1999, come se volesse chiudere il cerchio!”.

La parte più commovente :“Mi mancherai tantissimo amico mio – ha scritto su Facebook -, lascerai un vuoto nella vita di tutto noi, eri un ragazzino, con una carica assurda! Eri sempre di buonumore e riuscivi a farci ridere anche in circostanze assurde!Eri un amico, un fratello, un collega, un nonno e un vecchio di merda! Ora vai, sali in cielo e insegna al paradiso i tuoi “auz”, “Addavadai”, digli che “non succedeee nientttt”! Ti voglio bene! Tuo Figliastro Mazzoli”.

Leone nella sua vita aveva fatto tv, radio e il cantante; la sua produzione musicale comprende molte cover di brani popolari, soprattutto di musica dance, reinterpretati con testi goliardici e deliberatamente scurrili, definiti dalla critica specializzata come uno dei “rari esempi di goliardica letteratura dissacrante applicata alla disco-music” (Belmonti).
Fra i lavori più recenti della sua vastissima discografia compaiono Si nu baccalà, Squich, L’isola dei leoni e Ma che figo sono con Auz Triccaballac.Ha recentemente lanciato una nuova canzone, “Sfigato 3”. Il brano è dedicato all’amico e compagno di lavoro Fabio Alisei.

Rip Leone https://http://t.co/5VhQNni5IQ

e anche noi di bella.it, ci uniamo al coro dei suoi fans e abbracciamo la sua famiglia.

Di Isabella Colombo

28/2/2017

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Print this pageEmail this to someone