Miami Diaries di Marta Lock

16 martedì 2014 visualizzazioni:

Per introdurvi questo splendido libro, iniziamo dalla resensione del critico lettarario Michele Miano:

ml8HD“Con l’amica Marta Lock mi sento in colpa per due motivi. Per prima cosa ho conosciuto Marta in occasione della conferenza stampa del suo nuovo romanzo nella primavera di quest’anno e me ne ha fatto gradito dono ma oberato da mille impegni non avevo avuto ancora modo di dedicarmi alla sua lettura. Giunta al quarto romanzo, con Miami Diaries, la scrittrice dimostra un piglio narrativo di razza, degna dei migliori autori di questi ultimi anni. Non mi soffermo sulle vicende dei tre protagonisti Violet, Hanna e Sam, rampolli di buona famiglia viziati e cresciuti nella Miami degli stravizi e che a causa di un dissesto finanziario dei padri si troveranno a scontrarsi con la dura realtà, non certo effimera nella quale erano cresciute, ma per dovizia professionale di critico letterario, sottolineo l’accattivante stile narrativo, sciolto, disinvolto, fatto di pause di riflessioni ma che fagocita il lettore sempre più nella lettura del testo. Uno stile fluido, che scorre piacevolmente e che permette di entrare in sintonia con i personaggi. Le vicende dei tre protagonisti, i loro amori, i tradimenti, le loro difficoltà, ognuno con una psicologia diversa, ben delineata, non sono altro che uno spaccato della nostra vita quotidiana dove ognuno di noi potrebbe ritrovarsi.

Marta Lock penetra nelle vicende della vita odierna con dovizia di particolari, intercalandoli alla descrizione di maggiori atteggiamenti introspettivi dei personaggi. Significativa è la figura dell’architetto Sam. Le vicissitudini dei personaggi troveranno un significato più profondo nel sorprendente finale e nella riscoperta dei veri valori autentici della vita. L’altro motivo per cui mi sento in colpa è non avere conosciuto Marta prima e non avere letto i suoi romanzi”.

La trama di Miami Diaries

Miami Diaries copertina singolaViolet e Hanna, cresciute insieme e amiche per la pelle, rampolle di due famiglie di costruttori di Miami Beach, viziate e coccolate e abituate a ottenere ogni cosa con uno schiocco di dita, si trovano improvvisamente a doversi rimboccare le maniche e scontrarsi con la dura realtà quando i due capifamiglia, soci in affari, vengono arrestati per evasione fiscale e i loro beni confiscati. Le mamme, casalinghe annoiate e assolutamente inconsapevoli del significato del verbo lavorare, completamente destabilizzate e distrutte dalla loro nuova condizione economica di nullatenenti, non riescono a fare altro che lasciare la soluzione del problema in mano alle due ragazze che, ancora in possesso dei fondi fiduciari intestati a loro e non toccati dal fisco, decidono di aprire un’agenzia immobiliare che servirà a risollevare le sorti di famiglia. In società con loro entrerà anche Sam, loro grande amico e moderno e chic omosessuale, apprezzato architetto d’interni nonché confidente e sostegno di entrambe, grazie al supporto del quale decidono di creare dei pacchetti d’acquisto chiavi in mano.

Le vicende dei tre protagonisti sono legate indissolubilmente quanto diverse sono le loro personalità, la capacità di reagire e di amare: Sam forte ma anche estremamente sensibile, fortemente legato al ricordo di Andrew, un amore incredibilmente passionale finito a causa sua e che ha provocato per anni il suo rifiuto a rimettere di nuovo in gioco i propri sentimenti; Hanna sicura di sé, forte e determinata, da sempre amante sfuggente di uomini bellissimi che usa come oggetti e poi butta via nel momento in cui si stufa di loro; e infine Violet, più sensibile e romantica, perennemente in attesa del principe azzurro che non riesce a trovare perché nessuno degli uomini conosciuti ha mai retto il confronto con l’adorato padre. Ma lo sconvolgimento di vita provocato dal crac dei genitori delle ragazze induce lentamente i tre amici a rivedere l’ordine di importanza delle cose e assumere atteggiamenti diversi nei confronti di ciò che succede loro nella nuova esistenza tutta da costruire.

Ecco perciò che Sam si ritrova ad accettare un amore tiepido con Patrick che però lo rassicura e lo rasserena e che lascerà a causa del ritorno di fiamma con Andrew per poi pentirsene, Hanna si innamora perdutamente di Victor, brutto e totalmente fuori dai parametri che avevano caratterizzato i flirt precedenti, amore contro il quale combatte con tutta se stessa sfuggendo, maltrattandolo e allontanandolo ma con il quale si sprigiona una chimica incredibile che non le permette di chiudere definitivamente con l’unico che riesce a capirla con un solo sguardo dandole l’impressione di guardarsi allo specchi sentendosi a casa e poi Violet che, sorprendentemente, inizia una relazione clandestina con Nick, un uomo sposato del quale vede solo i pregi e le similitudini con suo padre rifiutando di guardare anche i numerosi difetti e le note stonate fino al viaggio di lavoro che farà con lui in Kenya, periodo durante il quale aprirà completamente gli occhi innamorati. Il processo di maturazione e di crescita che affronteranno durante il corso degli eventi e il confronto tra le diverse esperienze che vivono, fatto di dialoghi, di litigi e di accuse reciproche, li porterà a compiere un cammino alla ricerca di se stessi che diviene via via più intenso e profondo rivelando loro l’importanza di cose che mai prima si erano preoccupati di valutare.

Ogni capitolo ha il titolo e viene aperto e chiuso da brani della rubrica L’Attimo Fuggente, come anche quelli all’interno dei capitoli stessi, usati come una riflessiva e illuminante voce fuori campo.

 

Miami Diaries di Marta Lock edito da Francesco Tozzuolo Editore