Quei Ragazzi Work in Progress: quando la scoperta di se stessi si fa forza per la comunità

06 martedì 2018 visualizzazioni:

Ci troviamo a Londa, sulle colline toscane ai confini con la Romagna, nel podere sociale dell’associazione “Quei Ragazzi Work in Progress”. La natura è il palcoscenico e insieme lo strumento per percorrere un viaggio unico alla scoperta di se stessi e del mondo circostante. Un percorso costruito insieme a loro, a quei ragazzi, in un ambiente naturale ricco di possibilità.

Un’idea coccolata, sognata ed elaborata per anni dal fondatore, Raoul Pacifici Guatteri, educatore professionale, che proprio sul progetto ha costruito la sua tesi di laurea. L’obiettivo dell’associazione è quello di adattare ogni progetto alla persona che si ha davanti, di conseguenza le diverse attività diventano funzionali a valorizzarne le diverse caratteristiche e peculiarità. Tra le attività organizzate vi sono quelle strettamente legate al lavoro agricolo, durante le quali si è impegnati nella coltivazione dell’orto, nella raccolta e trattamento dei prodotti.

foto presa da associazionequeiragazzi.it

Attraverso la cura degli animali e i laboratori sugli antichi mestieri, i partecipanti imparano ad esprimersi liberamente, senza attese o eccessive pressioni, condividendo con gli altri una straordinaria esperienza di crescita personale. L’ associazione organizza inoltre escursioni naturalistiche e soggiorni relax per gli associati, nell’ottica di un percorso di miglioramento personale orientato allo sviluppo della propria autonomia. Frutto di questi percorsi sono i prodotti: marmellate, pomarola, olio extra vergine d’oliva e ortaggi che racchiudono non solo i sapori della natura, ma anche tutte le intense emozioni di un’esperienza di vita unica nel suo genere. “Siamo un manipolo di sognatori libertari”. Si presentano così i ragazzi che si dedicano al “podere sociale” di tre ettari sulle colline toscane.

Crediamo nella valorizzazione delle diversità e puntiamo tutto sul diritto all’esistenza di tutti e di ciascuno, ognuno come è, qui ed ora, con le sue caratteristiche riconosciute”. dice il presidente. “Crediamo nel contatto diretto con la natura ed i suoi tempi per permettere alle persone cui la società chiede più di ciò che hanno, di esprimere il proprio talento“. Ognuno con la propria abilità e con i propri tempi, in un contesto naturale unico, con i suoi intensi profumi e straordinari paesaggi collinari, l’associazione lavora incessantemente per permettere a persone disabili di esprimere senza freni la propria personale interpretazione della vita. Ci sono mani abili che colgono i frutti maturi dai rami e li trasformano in marmellate e confetture, racchiudendo nei vasi il calore dell’estate per riassaporarlo poco a poco nei momenti di dolcezza di cui tutti abbiamo bisogno. Altre mani che cucinano, altre ancora che semplicemente abbracciano l’animale con cui hanno creato maggior feeling. Per tutti è una conquista di autonomia e determinazione dal valore inestimabile.