UN ASSAGGIO DI GIOIELLI

06 martedì 2018 visualizzazioni:

La tradizione vuole che quando si dice gioiello si pensa a preziosità, si pensa alla possibilità di indossare qualcosa di unico e raro, simbolo di una ricorrenza, dell’amore, di un ricordo. Oro, argento, platino, palladio e rodio sono i cinque metalli preziosi per eccellenza. Se in quelli si riesce ad incastonare una pietra ancora meglio.

Eppure, alcuni pensano che il solito gioiello sia ormai diventato un cliché. Nessuno si distanzierà mai veramente dalla classicità ed originalità di un gioiello, ma un mondo che insegue il design, l’arte e le innovazioni non può che tendere verso una nuova ispirazione.

Ispirazione che viene dal cibo, dai dolci. Cos’hanno in comune gioielli e cibo? Una lavorazione ad arte, e la possibilità di dialogare tra loro, dando vita a gioielli da gustare. DUETORRIHOTELS ospiterà una mostra itinerante nelle quattro città eccellenza dell’hôtellerie italiana: Bologna, Verona, Genova e Firenze.

In occasione di ricorrenza importanti, prima fra tutte San Valentino, gli hotel ospiteranno la mostra di autentici gioielli…tutti da gustare. Alla base la volontà è quella di proporre un gioiello etico, sostenibile, senza tralasciare la raffinatezza e il valore di un gioiello.

L’incastro tra le diverse forme d’arte è davvero studiato nei minimi dettagli, a partire dalla storicità, di grande effetto, delle location: Grand Hotel Majestic a Bologna, Due Torri Hotel di Verona, Hotel Bernini Palace di Firenze e l’Hotel Bristol Palace a Genova.

La pasticceria, per me, è nata come approccio al mondo lavorativo, ma ben presto mi è stato chiaro quali e quanti anelli di congiunzione avesse con il mio vissuto; quando, da bambino, ammiravo mia nonna e mia madre intente nella preparazione della ciambella, della pinza o della crema pasticcera.”- Gino Fabbri, Maître pâtissier e narratore della mostra.

Spille, orecchini, collane, anelli, ciondoli e bracciali: una vera collezione limited edition. Creati da MICartapesta, o meglio Michela Boschetto, architetto e designer che in collaborazione con altri architetti, ormai da alcuni anni pensa alla creazione di gioielli a partire da materiale ordinario. Questa volta il cibo è il grande protagonista.

Tra cibo e gioielli prenderà vita una dolce conversazione, che si spera sappia emozionare i più curiosi.

di Federica Duani
06/02/2018

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Print this pageEmail this to someone

Può interessarti anche...