Un nuovo modo per definire la moda: Princess Handle with Care

11 sabato 2017 visualizzazioni:

PRINCESS HANDLE WITH CARE tra moda e natura; ecco il made in Italy dei piccoli brand. 

Quattro i concetti chiave per definire uno stile:

Ethical fashion,Chic,Handmade,Made in Italy

Il risultato è PRINCESS HANDLE WITH CARE, un brand 100% italiano che decostruisce la figura femminile legata alle mode stagionali, per creare qualcosa di completamente nuovo: un guardaroba in cui elementi e materiali vengono esaltati dalla qualità e dalla vestibilità curata nei dettagli che hanno reso la moda del nostro Paese famosa nel mondo.

Dietro il brand c’è la stilista romana Laura Azzariti. Il mio è il vero made in Italy – ribadisce – dal design alla produzione, dalla scelta dei tessuti alla confezione.

L’interlocutrice di PRINCESS HANDLE WITH CARE è la donna di oggi, senza fronzoli e sovrastrutture, che ama la spontaneità e ha una vita “normale”e non patinata. Esigente sul fronte della qualità dei tessuti, della vestibilità e dell’artigianalità, pronta a farsi conquistare da capi di abbigliamento che la facciano sentire libera e unica, facendola stare bene con sé stessa.

Il brand PRINCESS HANDLE WITH CARE non è mai venuto meno all’impegno di difendere il made in Italy ed esprimerlo attraverso le sue creazioni uniche, su richiesta personalizzabili e su misura, ciascuna pensata per ogni singola principessa.

Paladina dell’italianità ad ogni costo Laura Azzariti porta avanti ogni giorno la sua battaglia contro il fast fashion, la moda facile e senza l’impiego di materiali e tessuti di qualità, lo sfruttamento del lavoro, lo spreco nella grande realtà e la mancanza totale di “cultura” nel settore, dovuta all’involuzione di un sistema che ormai predilige soltanto l’apparenza e il far parare di sé e non più la sostanza.

Questo il manifesto del brand che vuole difendere e combattere per un patrimonio prezioso di autenticità ed esclusività.

www.princesshandlewithcare.it

Di Sveva Silva

10/11/2017

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Print this pageEmail this to someone

Lascia un commento