Vintage che passione!

23 lunedì 2019 visualizzazioni:

IL VINTAGE CALCA LE PASSERELLE 

DELLA MILANO FASHION WEEK E NON SOLO 

Il passato fa tendenza e torna sempre più a vivere nel presente, gli oggetti che hanno fatto la storia della moda impazzano online.

Il vintage non passa di moda, anzi fa tendenza. Per di più è bello, ecologico e molto più vicino al concetto di lusso che a quello di usato. Da alcuni anni le fashion houses hanno rispolverato i vecchi archivi, riproponendo modelli e silhouette anni 60, 70, 80 e 90. Alla Milano Fashion Week 2019, uno dei grandi protagonisti è stato proprio il vintage.  

Vintage e second hand, o pre owned, stanno vivendo un periodo di grande ascesa: secondo i dati raccolti nel 2018 da CNBC, si acquistano sempre più abiti usati, modelli unici e vintage da sfoggiare in ogni momento della giornata, da una colazione di lavoro a una serata di gala.

Anche i vip sono vintage addicted, pensiamo a Drew Barrymore, Julia Roberts e Lily Rose Depp, spesso immortalate dai paparazzi nei mercatini dell’usato

Il concetto di moda slow fashion sta sempre più facendo concorrenza al fast fashion. L’economia circolare ci fa riflettere sul riutilizzo dei materiali in cicli successivi, riducendo al minimo gli sprechimentre la crescente attenzione sui temi ambientali da parte di maison e dei negozi online fa sì che il mercato della rivendita di moda sia considerato oggi un aspetto complementare. Sono diversi i grandi marchi che stanno valutando se partecipare in maniera ridotta alle sfilate, pianificando solo poche mostre con collezioni molto essenziali, rifiutandosi così di adattarsi al ritmo “veloce” del mondo della moda.

Un esempio su tutti? Il consiglio svedese della moda ha deciso di annullare la Fashion Week di Stoccolma, al fine di stabilire nuovi standard di sostenibilità nel settore.

Traendo ispirazione dalla propria storia, guardando al futuro, i brand hanno trasformato il loro patrimonio culturale (archivi, atelier, savoir-faire, valori e immaginari) in uno strumento competitivo per l’identità del brand, un capitale culturale da spendere nel contesto altamente competitivo del settore della moda e del lusso”, commenta Stefania Filizola, esperta moda di Catawiki. 

Ma quali sono i capi oggi considerati vintage che hanno fatto la storia della moda e che non possono mancare nel nostro guardaroba trendy di oggi? 

1 . Le Stampe floreali come ogni anno calcano le passerelle 
delle sfilate primavera/estate. Il Florage è considerato un 
caposaldo per le stoffe femminili non solo per abiti e sciarpe 
ma anche per gli accessori come la clutch Gucci lanciata negli 
anni 80 realizzata in tessuto e inserti in pelle blu





2. La Saddle Bag di Dior è oggi considerata un must have. Ideata da John Galliano, negli anni è stata declinata in tutti i colori e tessuti immaginabili. Questa borsa risulta fuori produzione da diverso tempo, Catawiki è riuscita a venderne una all’asta dal valore stimato di circa $4000

A yellow dress

Description automatically generated

3. Colori brillanti e stampe barocche riprendono le iconiche 
stampe rese famose da Gianni Versace negli anni 90.



4. È il ritorno in grande stile della logomania, moda distintiva 
degli anni 80: da Fendi a Louis Vuitton passando per Gucci, 
il must degli accessori è il tessuto logato che rende esclusivo  
e autentico ogni acquisto.

Che sia davvero l’inizio di un modo decisamente diverso di intendere la moda?

di Sofia D’Altrui

23/09/2019