Grammy Awards 2019

12 martedì 2019 visualizzazioni:

I Grammy Awards sono i più importanti premi dell’industria discografica statunitense. Gli “Oscar” della musica, a differenza di quelli cinematografici, vengono attribuiti agli artisti con una valutazione che tiene in grande considerazione i risultati di vendite e la popolarità e non considerando una speciale qualità critica.

La 61esima edizione si è tenuta l’altra notte allo Staples Center di Los Angeles ed è stata colorata prevalentemente di rosa. Quest’anno, infatti, la serata è stata condotta da Alicia Keys, la quale ha aperto lo show salendo sul palco con Lady Gaga, Jada Pinkett Smith, Jennifer Lopeze un’ospite d’eccezione: Michelle Obama.

Le cantanti e l’ex first lady hanno subito mandato un messaggio di ispirazione: “La musica ci aiuta a condividere noi stessi, la nostra dignità, i nostri dolori, le nostre gioie. La musica mostra tutto ciò che conta“.

Le artiste premiate e pluripremiate sono state diverse: Cardi Bè entrata nella storia come prima donna ad aggiudicarsi il premio nella categoria album rap, territorio solitamente dominato dagli uomini, Lady Gaga che si è portata a casa tre premi per Shallow e Joanne,  Ariana Grande ha conquistato il suo primo Grammy come Best Pop Vocal Album grazie all’album Sweetener, Her è stata premiata per il miglior album r’n’b, la cantante Kacey Musgraves icona della musica country negli Stati Uniti, ha vinto album country dell’anno col suo Golden Hour.

Anche Dua Lipa ha trionfato, premiata prima nella categoria Best Dance Recording per “Electricity” e poi come Best New Artist. La cantante ha spiazzato tutti con il suo discorso-frecciatina diretto al presidente della Recording Academy (l’associazione che organizza l’evento e che decreta i vincitori): “Volevo solo dire quanto sono onorata di essere stata nominata insieme a tante incredibili artiste femminili quest’anno, perché credo che quest’anno abbiamo davvero fatto un passo in avanti“.

Il presidente Portnow infatti aveva detto che le donne avrebbero dovuto “fare un passo avanti” se avessero voluto ottenere riconoscimenti durante i Grammy.

La cantante inglese ha poi continuato il suo discorso con un potente messaggio di empowerment: “non importa da dove venite, qual è il vostro background o in cosa credete…io sono la prova che potete fare tutto ciò che avete in mente, finché lavoriate sodo. Lo credo e credo in voi“.

 

 

 

 

di Claudia Di Santo